Cielo di empi tumulti 2/3

Cielorosso 2-3

Ormai tarda era l’ora per avvedersi di quanto stesse accadendo e ancor più scarsa figurava la sabbia della clessidra dell’intervento, gettando Re, ricchi nobili, grandi guerrieri e poveri mendicanti nel medesimo profondo abisso d’afflizione. Troppa era stata la boria delle giovani razze appena emerse alla luce, fuggite con forte speme all’oscurità dell’antro ove si erano generate. Eccessivo fu il gaudio di camminare alla luce della scintillante divina benevolenza, per raccapezzarsi di quale ombra avrebbe destinato ogni razza a una truce fine.

Da generazioni il male si stava sviluppando silente tra le carni vitali, prendendo forma dalle depravazione di chi più nell’animo ne era fornito. Non i Troll o i Draghi, in fondo solo bestie, né gli Orki, poco più di animali, ma l’umanità fece da protettivo ventre al germe putrido della fine. Costui, celato tra accidia, invidia ed efferatezza perpetrata per volere della menzognera brama di pochi a discapito dei molti, radicò profondamente nell’aberrante cuore dei più avidi, capaci di circuire e sobillare le masse.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...